02 24839838     info@ecologicaltoner.it   Via Selvanesco 57 - Milano

Carlson, la fotocopiatrice e le invenzioni incomprese

post_carlson_fotocopiatrice

Proprio oggi, ma ben 76 anni fa, Chester Carlson stampava la prima fotocopia, chiamata all’epoca “elettrofotografia”.

Una matrice caricata elettrostaticamente che, al posto del normale inchiostro, utilizza una polvere nera (più tardi denominata “toner“) per imprimere su un foglio di carta i caratteri neri di un documento originale, precedentemente impressi su di essa.
(fonte Mondi.it)

Era il 1938, ma passò qualche altro anno prima che le fotocopiatrici potessero far parte del quotidiano.

Chester Carlson nel tempo libero faceva l’inventore e dobbiamo dire grazie a lui se oggi possiamo fotocopiare qualsiasi documento, senza contare che con il suo metodo fu il precursore delle stampanti laser!
Certo, i tempi sono cambiati con l’epoca digitale, nonostante ciò le fotocopiatrici tengono ancora con orgoglio il loro posto in molti uffici.

In ottica di ecologia e riciclo il nostro pensiero è che in un futuro non troppo lontano non sia più necessario stampare copie su copie. Un paradosso forse? In fondo noi con le stampe ci lavoriamo, ma chi lo sa in che modo si evolverà la stampa?

Tornando all’invenzione della fotocopiatrice la storia di Carlson è curiosa, come molte storie che riguardano nuove scoperte tecnologiche.
La sua invenzione non fu accolta con entusiasmo perchè le copie dei documenti si effettuavano con altri metodi come la carta carbone e le macchine duplicatrici.
Aziende ad oggi molto conosciute hanno risposto con un secco “no” alla sua proposta.

Riportiamo per intero la storia tratta da wikipedia:

Tra il 1939 e il 1944 Carlson contattò molte aziende tra cui IBM e General Electric, ma entrambe non ritenevano che esistesse un sufficiente mercato per le fotocopiatrici.

Nel 1944 il Battelle Memorial Institute, un’organizzazione non-profit di Columbus nell’Ohio, supportò Carlson nel perfezionamento del nuovo processo. Nei successivi cinque anni l’istituto condusse esperimenti per migliorare la tecnica elettrofotografica. Nel 1947 la Haloid, una piccola azienda di New York specializzata nella produzione e vendita di carta fotografica, contattò il Battelle per ottenere la licenza per lo sviluppo e il commercio di macchine copiatrici basate sulla nuova tecnologia.

La Haloid ritenne che il nome elettrofotografia (electrophotography) fosse troppo complesso e di scarso richiamo commerciale. Dopo avere consultato un professore di lingue classiche all’università statale dell’Ohio, la Haloid e Carlson cambiarono il nome del processo in xerografia (xerography), formata da parole greche e con il significato di scrittura a secco, per sottolineare la comodità rispetto ai sistemi precedenti. La Haloid decise di chiamare le nuove macchine copiatrici Xerox e nel 1948 registrò il nome come marchio commerciale.

Nel 1949 l’azienda da ora nota come Xerox introdusse la prima macchina fotocopiatrice con il nome di Modello A. L’azienda ebbe un tale successo che nel mondo anglosassone il nome divenne di uso comune per indicare la fotocopiatura (Xeroxing) anche se la cosa fu combattuta dall’azienda che temeva che il nome Xerox potesse diventare un marchio generico. La parola Xerox apparve in alcuni dizionari come sinonimo di fotocopiatura, il che indusse la Xerox corporation a richiedere che la voce fosse modificata e la parola non fosse più utilizzata in tale senso.

In Europa i termini riconducibili al marchio Xerox sono meno comuni, probabilmente per il fatto che qui si diffusero fotocopiatrici prodotte da aziende europee e giapponesi invece di quelle di Xerox.

Nei primi anni cinquanta la RCA introdusse un processo chiamato elettrofax in cui le immagini venivano impresse direttamente su speciale carta opportunamente trattata e sviluppata per mezzo di toner disperso in un liquido.

 

Morale della favola: non arrendetevi e portate avanti le vostre idee, chissà che una di queste non possa diventare una piccola conquista d’uso comune.

 

Se volete approfondire l’argomento vi consigliamo la visione di questo video che propone la storia di Carlson e l’invenzione della fotocopiatrice.

 

Se ti è piaciuto questo articolo forse troverai interessante anche il funzionamento delle stampanti Laser, qui troverai un altro video che lo illustra in maniera chiara e semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *